Abbiamo dedicato una posta specifica per ogni possibile comunicazione o richiesta d’ informazione si voglia farci pervenire. Prima di scrivere o telefonare, siete pregati di leggere attentamente le note a fondo pagina.

A disposizione sono i seguenti indirizzi di posta elettronica:

presidenza@caramellabuona.org
per contattare direttamente il Presidente Roberto Mirabile

segreteria@caramellabuona.org
per segnalazioni, informazioni ed esigenze di carattere generale, per l’amministrazione, per informazioni sui nostri uffici e sugli spettacoli, per richiedere appuntamenti in Sede: Signora Giulia Romeo

ufficiostampa@caramellabuona.org
per esigenze di Comunicazione, rapporti con la Stampa, interviste, conferenze e convegni: Dott.ssa Anna Maria Pilozzi

Per contattare la sede di Milano: sedemilano@caramellabuona.org

Indirizzo di Posta Certificata : pec@pec.caramellabuona.org

Indirizzo della sede nazionale e legale:
La Caramella Buona Onlus
Viale Monte San Michele, 3
42121 Reggio Emilia
Tel. 0522 439625
Fax 0522 433477

NUMERO VERDE: 800.311.960

 

Sede di Acuto (FR):
via Vittorio Emanuele, 41
03010 Acuto (FR)
Tel. 0775 56076

Sede di Milano:
viale Certosa, 46
20155 Milano
Tel. 02 36751128

Si raccomanda di inviare testi brevi, chiari e sempre firmati (non si prendono in considerazione lettere anonime). I nostri uffici risponderanno appena possibile e solo alle lettere firmate. Tutte le comunicazioni, in entrata come in uscita, si ritengono strettamente confidenziali, nel rispetto della normativa sulla privacy e non divulgabili a terzi.

Nota importante:
La Caramella Buona Onlus valuta, a insindacabile giudizio, i casi che giungono in Associazione e attiva i propri Consulenti una volta applicato un collaudato Protocollo procedurale interno. Questo permette alla nostra organizzazione di ottimizzare le energie, le risorse e il tempo proprio con l’obiettivo di mantenere lo standard qualitativo riconosciuto e consolidato in anni di attività. La prima risposta dei nostri esperti è gratuita ed è gradita l’iscrizione alla Onlus come “amico sostenitore”. Dopo questo primo passo, se si creano le condizioni per procedere prendendo in carico il caso, i consulenti applicheranno tariffe di favore, nel rispetto delle singole professionalità e dei tariffari degli Ordini di appartenenza. L’Associazione non è in grado di sopportare le spese dei tanti casi che si presentano, non può influire sui tempi della Giustizia e non prende in considerazione casi già avviati o in carico ad altri Legali.